Google+ Badge

domenica 28 febbraio 2016

NACQUE UNA NOTTE

"Io" taceva rattrappito
dentro me.
Languiva esanime,
privo di sé.

Talora allungava la mano,
ad elemosinar qualcosa.
Ma nessuno gli dava nulla:
per "Io" solo terra
arida, brulla.

Una timida notte
un vento lo sfiorò
improvvisamente.
Carezze accennate
senza dirgli niente.
Folate penetranti,
leggere,
profumate di tigli
e foglie di chimere.

Poi lo chiamò
impercettibilmente.
"Io" si volse turbato,
incredulo, affascinato:
del nulla il vento
s'era innamorato?
Senza pensare, si lasciò rapire
in quelle spire.

Erato era quel vento
Assurdo! O forse no?
"Io" nacque "poeta"
in quel momento.