sabato 20 aprile 2019

il mio cranio

IL MIO CRANIO

Sei sazio della tua fame
quiete spranghe di ferro
quelle parole
avvolgono in gomitoli 
la colpa
dici: non so stare dentro me
il mio cranio è una casa di tolleranza
parole puttane
a che servono le grandi
domande?
le piccole risposte?
amiamo l'errore e il peccato
la bocca le mani in agguato 
alla carne
sulle tracce del padre
corriamo
leggere variazioni
poche indicazioni per
appuntite speranze
e la fine


una sbronza

venerdì 19 aprile 2019

i nostri nomi

raddoppiata la bocca
               moltiplicate le braccia
nemmeno 4 bastavano

ad allontanare
                  l'ombra sdrucciolevole di una verità
                               che non sa dire

ad acciuffare
                l'ipocrisia dell' arrivo
            cui mancano strade di cui
                                         parlare
chi?
chi potrebbe avervi giocato a biglie
             con sante speranze?

Come stai?
ce la farai a scavalcare la meta
        
      sei vera solo per poco
nella distanza tra
                la spalla e la mano
non di più

Quando arrivi?
        non aver fretta

se la meta è quella che 
                 ti dà la strada
 è solo una menzogna che vibra e
          ti ribalta oltre
                            senza meta

Continui a camminare roteando
                        il capo?

Si!
si ma 
       senza farti male

rovescialo all'indietro
                   insieme al cuore
e accadrà: la dolce tregua la troverai nel nome

l'azione dei nomi
              - i nostri soldati-
un risveglio
         la loro pronuncia 
             squarcia il niente
noi siamo
            i nomi
      che rincorremmo allora

È fresco il latte nella stalla

                  stanotte
              
     io mungo il tuo 
                      nome



mercoledì 17 aprile 2019

tu come loro

È un turbine questo pudore: ecco
ti vedi


Ma la cerchi ancora la tua
storia?

Un futuro probabile
un possibile scarto fra i passi
incerti sui fossi
tra il ritardo e il rilancio


-quelle patate in terra a mani nude:
era bello cercarle
bello trovarle


per terra per terra


tu come loro
tra la veglia e il sonno


Ma la varchi ancora la tua
soglia
lo slancio al tuo io?
Il cerchio perfetto tra le cose
che ami
che ti strizzano gli occhi
dei sensi


forse non vedi più bene:
il distacco il distacco
che fugge


indossi la veste nuziale a voce alta
e poi a bassa voce


fermalo fermalo
- grida l'istante

chi saccheggia il tuo pranzo di nozze
l'ortografia di quel dono?
sul trasalire inquieto di
un frammento d'amore

Ma lo abbracci ancora il tuo
incendio?
Sei appesa a quel gancio che stringe
la mano
e tutto ritorna
per lasciarti andare

lunedì 8 aprile 2019

la parola

è solo un fiato essenziale
un rumore
una convenzione di suoni
una rivelazione
la chiamano: "parola"
e lei obbedisce
come un pappagallo
alle corde che hai in gola:
era parlante

domenica 7 aprile 2019

dentro la mano

Dentro la mano
resta staccata la promessa originaria

La testa penzola
dal collo
viva
/non coagula/
Che interruzione la vita!

Dici:
chi ha dipinto il destino?

Inquieto singhiozzo: basta basta
ancora ancora

domenica 31 marzo 2019

mi travesto da te

Mi travesto da te
mi travesto di te
Ti raggiungo
sono me
quando sorgo in te.

Non sai dove non
ti perdetti mai
Non so dove tu
calda perversione
mi improvvisi.
Ma è passione.

Non voglio pagare 
un'imposta 
sull'immoralità del silenzio:
mi hai venduto a una
congiura
di desideri monodose

fulmini le tue labbra
qualcosa che ingoiasti è
nato nella mia parola
parlo te: è una pazzia a ore
come l'eternità

non vado a trovare i pensieri
non voglio ucciderli
Se mi cerco è te che trovo

nudo è il seno
quando
ti contempla
io e i tuoi occhi
viviamo di gelosia


la fune

Si è attorcigliata addosso
la fune del giorno
mi lega
impicca anche
questo silenzio che si
muove dentro
Forse l’ultimo sguardo
che mi vide
chiuderà le mie palpebre
in un bacio