Google+ Badge

giovedì 17 maggio 2018

preziosi

il suo paesaggio disegnava corpi e suoni
una storia diversa dentro ogni dito 
di quelle mani
giorno dopo giorno affisse a 
un muro d'aria diverso
di questa città apparente
a partire dalle dita vedeva il suo corpo
e poi le altre dita
tra terra e cielo

E' curioso come le dita vedano un corpo
il corpo cui appartengono
si muovano in lui
mentre cercano un proprio
destino
sapendo che non hanno 
mai scelto la forma
delle loro unghie
E' curioso come le dita tocchino
il proprio corpo e non ne sappiano
il nome



haiku terra

questa mia terra
somiglia così tanto
a chi la vive



mercoledì 16 maggio 2018

morsi omicidi

Morsi omicidi in un
dovechissà
che ci appartiene

Abbiamo inscatolato
le promesse
questo è un secolo accessorio
anche di esso
dovremo dar conto
da qui

lunedì 7 maggio 2018

nomi cattivi*


Indulgente?
come lo sguardo di una vecchia invidiosa
           posato su un peccato con asterisco di 50 anni prima
Accattivante?
come il desiderio rappreso
           di un gatto a nove code sulle spalle di un cattivo
                                                                                   nome 
e inizio cagna randagia 
      a scavare 
                  una buca nella pelle per gli antefatti
a mettere a vivo carne dove nascondere i 
                                                        nomi sputati
                           
           e poi zampettando velocemente
a nascondere quel nascondiglio

        Come un sospiro mai emesso
mi infilo a testa bassa nel nome del peccato 
                                                      che non ho commesso


Una buona notizia!
Datemi una buona notizia 

   


                           
                              
















sabato 5 maggio 2018

Paura*



È una vertigine
la paura dello spirito di essere
al posto di un fantasma
                   -occhi bendati occhi bendati

Ogni giorno
cerco un santo nel calendario
che venga a giocare
con me
                       -occhi bendati occhi bendati
scherzare con lui
parlargli

                     la parola è più di una porzione 
                                            della mente

Trittico*

TRITTICO


I

può un inizio essere bugiardo?
il mio lo fu
come nacque in me l'idea?
che m' assedia
quanto la scheggia di una bomba
scoppiata in un' altra testa



II

in me nascevano le idee
poi le distruggevo
                     come fanno gli uomini con le città
c'era qualcuno che si toccava
e non aveva scelta
                      nei suoi occhi
ma aveva una sorella che guardava
e contava fino a dieci
                      e poi ricominciava
saltava l'oggi
numerava l'altro ieri
                    che era cambiato il mese
saltava l'oggi
numerava un dopodomani
                    che sarebbe cambiata la stagione
saltava il qui
era sempre là
                    e poi un poco più in là
saltava il qui
perché non
                    lo cercava e non lo trovava
ed era senza tempo e senza spazio
                                 sempre in penombra

era
sì era.
ma non sono sicura che ci fosse
era 
ma forse non c'era
tutto l'universo non era abbastanza grande
da accogliere il suo non esserci


III

saltava il padre che le mancava
non aveva mai amato
le paternità dell'ultimo minuto
forse per questo decise di andar via

saltando alla corda

pellegrinaggio

L'ombra smisurata di un gesto finito
stravolgeva ogni regola
come l'aria stravolge l'aria
quando si inchina sul sole
Con un sobbalzo ritrovava
il pellegrinaggio sul mio corpo
quell'andare ramingo
lungo il ponte sbilenco
del sogno

Il santuario
non era né vicino né lontano
                       solo sulle labbra 
                                    che ingoiavi