Google+ Badge

martedì 5 dicembre 2017

Attraverso

Scendo di gradino in gradino
in un lento precipizio.
Non mi succedono più
vette d’infinito, né  sedie vuote
a gironzolare attorno
ai miei punti deboli.

Ci fu per me
il tempo
delle vette infinite dalle sedie vuote
a pensare il non osar pensare,
l’ a chi...
che mi sgangherava
ogni appartenenza
e mi attraeva a sé e
mi strangolava e
piazze affollate e vuote
di me, solo di me col mal di pancia
e...un po’ di quell’ignoto te che quindi è me
Incertezza tra lui, tu...mio dolce assassino.
un po’ marionetta e un po’ manichino.

Adesso
una donna, di antichi misteri
incappucciata,
intona nenie e
scende, scende cantilene
dondolando,
la fata Attraverso
l’accompagna
sbirciando ogni tanto tra i chiavistelli
nel fondo del baule

Una maschera,
datemi una maschera
che non mi somigli
perché io somiglio a tutte le maschere
e non so più inventare
alcun mio nome.