Google+ Badge

venerdì 17 novembre 2017

Tempo allo specchio

Ho messo il tempo 
nel mio specchio
era il momento

ho appeso lo specchio
nel vestibolo della poesia
a capovolgere versi.
Dopo sarebbe stato troppo tardi.

Volevo un tempo poeta
che carezzasse la carne
delle parole
e ne divorasse l'anima.

Che frugasse in arcane dimensioni
e respirasse aliti nuovi
di ribelli/pacificate tensioni,
Dopo...
Ma quale "dopo"?

Che del mio senso nudo facesse
il vestito da strappare
con i colori della vita e
del suo mistero, che denudasse
le mie parole e con esse mi denudasse.
Che fosse il mio amante insomma!

Ma lui non sapeva da che parte stare,
Nemmeno io lo so.