Google+ Badge

domenica 7 maggio 2017

17/3/2017 (randagio)

Randagio,
in ginocchio percorro
gli istanti che respiro.

Fiorisco ed avvizzisco,
m'innalzo da stilita
su colonne che bevono 
acqua celeste come vino inebriante,
e poi mi abbasso e striscio

E vado e vengo
e sogni e speranze,
e labbra aperte al bacio
e denti che digrigno

Così cerco il qualcuno
che mi cerca.

Sassi di attimi gettati
dentro il grembiule audace e pazzo
aperto a nocche tese.
E quel "per sempre"  
che volle l'attimo come bersaglio
scrivendone il sussurro
a fermo-immagine.
Quasi che il tempo fosse
il taccuino intimo
dell'eternità