Google+ Badge

lunedì 3 aprile 2017

TRA PARENTESI


Sobbalzo, 
graffio lo specchio con le unghie,
le spezzo
"Mi hai rubato la rabbia
-lo aggredisco-
Dove andrò a cercarla
se non la vedo in te?"

E io che credevo non mi importasse più
quel resto
nascosto in una piega,
un'urgenza tra parentesi.
Invece avevo solo
messo le pantofole.

Incapacità d'amare?
Era paura.
Non sempre si ha coraggio di 
scorrersi dentro

Non mi voglio tranquilla, 
"di famiglia"
Che me ne faccio di 
silenzi in vestaglia,
bugie al pane di casa e 
dissetanti sorrisi?

Voglio mordere a far male
a imprecare asciutta
a azzannare il passato.
a bestemmiare il tempo

Diventa fremito 
d'anima
presto, adesso:
che sconvolga ancora

Ho un nome, lo conosco?

Lascio 
la domanda 
galleggiare,
getto un salvagente,
come fiamma ferita è aperta
mare di fuoco:
spero prima o poi di tuffarmici dentro.

la guardo,
mi cerca in tasca una sigaretta