Google+ Badge

mercoledì 7 settembre 2016

IL VOLO DEGLI ANGELI


Come un sasso in catene
gettato
in uno stagno,
l'anima mia pesa
sul respiro degli angeli.
Fuori da ogni sussulto,
giace ora assurda,
immobile e stanca
come la tua
e gli angeli
non possono più volare.
Vieni fratello,
apriamo la porta
all'orizzonte.
Facciamolo entrare:
che si mostri.
Spezziamo le funi che ci incatenano:
con un sorriso ribelliamoci
al fato
stringendo le nocche
fino a farle bianche
e poi sferriamo
il pugno.
Che gli angeli ricomincino a volare