Google+ Badge

lunedì 30 novembre 2015

Povero amore

Sto muta, impietrita dinnanzi all' accaduto
Dovrei forse dire: non lo avrei immaginato?
Certo che no; sarebbe una menzogna
E forse è per questo che sono piena di vergogna

Non ho fatto nulla per impedire che accadesse
Sperando che qualcosa, qualcuno intervenisse
A dar rimedio a una tale migrazione, che procede
Continua e che senza aiuto è solo devastazione

E così ci sono ancora morti
E morti e morti e ancora e sempre morti
Donne, bambini, vecchi, ragazzini,
Una folla innumerevole anche per i becchini

E poi tra i vivi tu vedi dei poppanti
Che succhiano voracemente
seni già avvizziti, seni stanchi
sotto lo sguardo spento
Di una madre che è come fosse assente
tanto la sua parola non conta proprio niente!

Forse pensa (lo cogli nel suo sguardo):
"Dolce, tragico, piccolo amore mio
Quel che tu succhi non è ciò
Che avrei desiderato darti io.

Io per te sognavo le mie poppe piene
Di latte che sgorgasse dolce come miele
Sognavo i tuoi sorrisi di lattante
Quelli che avevo immaginato nell' istante

In cui ti ho concepito in un attimo di ardore
Sperando che alla fine la mia miseria
Per quanto grande non vincesse amore.

Ma così non è stato: miseria ha vinto amore
E in te innocente tutto si racchiude il mio dolore!
Ma non dimenticarlo, qualunque cosa accada
Tu sei figlia vo!uta e per ciò stesso amata

Anche se sei solo il mio povero amore
Che brucia nel mio inumano strazio
Per una epocale tragedia che
non ammetterà mai sazio"

Quello sguardo di donna mi rende impotente
Fa pesare su di me una rivalsa incandescente
Mi fa fremere e sobbalzare di terrore
Perché qui non la miseria ma...
ricchezza ed egoismo hanno vinto amore!